Sei in: home > La giornata al nido > Attività

Le attività

Gioco imitativo e simbolico (24 – 36 mesi)

E’ un’ attività che da la possibilità al bambino di pianificare ruoli e comportamenti tipici delle figure adulte riproducendo esperienze quotidiane con grande abilità. Per favorire questo tipo di gioco usiamo i vari centri di attività dalla cucinetta, al dottore, alla parrucchiera con tutto il relativo materiale.

Attività di lettura e canto (3-36 mesi)

Sono attività che interessano i momenti dedicati alle canzoncine e alle filastrocche cantate e mimate e al racconto di storie sia attraverso l’uso di immagini, sia attraverso le canzoncine; attraverso queste si favorisce lo sviluppo dell’area linguistica.

Gioco a tavolino, travasi e giochi a tappeto (12-36 mesi) e gioco euristico

Le attività che si possono proporre sono differenti e variano a seconda dell’età dei bambini. Alcune di queste riguardano la motricità fine e coinvolgono i bambini più grandi: infilare-sfilare, incastrare, ordinare, schiacciare, travasare, tirare, avvitare-svitare. Altre, più semplici, coinvolgono i bambini più piccoli:. Il materiale proposto può essere diverso: perline, chiodini, puzzle, pasta, spago, riso, legumi, pasta, ecc…
Il gioco euristico (da eurisko:trovo/scopro, adatto ai bambini dai 20 mesi) consiste nel proporre al bambino vari materiali di uso comune (cucchiai di legno, tappi di sughero, barattoli di metalli, catenelle, mollette, ecc…) suddivisi per tipo in sacche di stoffa.L’apprendimento passa attraverso l’esplorazione individuale, la scoperta casuale e la manipolazione in autonomia. La concentrazione e la sperimentazione non guidata favoriscono così la costruzione del pensiero logico e creativo: il bambino ha quindi l’opportunità di scoprire come gli oggetti entrano in relazione tra di loro.

Attività di manipolazione (3-36 mesi)

Essa sta alla base di tutte le conoscenze ed è un processo che inizia fin dai primi mesi di vita. Attraverso la manipolazione di materiali diversi, il bambino ha la possibilità di conoscere e di scoprire sensazioni nuove: piacere,  fastidio, paura,  sporcarsi e soprattutto scoprire materiali naturali sconosciuti che gli consentono di deformarli, schiacciarli, distruggerli e anche costruirli.
Il bambino con stili di manipolazione diversi tira fuori da questo gioco la sua immaginazione e creatività, impara nuove abilità, consolidandole e raffinandole.

Attività grafico-pittoriche (12-36 mesi)

Attraverso queste, i bambini conoscono nuovi materiali, come  tempera, gessi, colori a cera, pennarelli, matite e pennelli. Dalla manipolazione del colore nelle ciotole si passa al dito per tracciare, alla mano per stendere il colore o lasciare un’impronta, portando così le materie colorate sul foglio creando anche un qualcosa di personale come proiezione di un mondo interiore. Non solo il foglio fa da base per l’uso del colore o del segno, ma anche la stoffa rappresenta un materiale comodo, pratico e piacevole.

Attività motoria (3-36 mesi)

Essa comprende tutte quelle attività ludico-motorie con musica e materiali vari; stoffe più o meno grandi, palloni, palline, cubi in gommapiuma rivestiti, materassini, corde ecc…  Con questa attività viene approfondita la relazione corporea intesa come interazione con lo spazio e il tempo. E’ importante attraverso questi giochi favorire delle situazioni in cui il bambino sperimenta il mondo con il proprio corpo traendone sensazioni piacevoli e di apprendimento. Vengono favoriti i meccanismi d’identificazione del sé attraverso dei processi di autostima (essere capaci di arrampicarsi, di saltare ecc...) e progressi per prova e per errori.

Gioco libero (3-36 mesi)

In questa attività il bambino viene lasciato libero di fare secondo la sua creatività e fantasia. L’educatrice infatti funge da spettatrice e mediatrice di fronte a situazioni di contesa per il materiale. Anche questo gioco è molto importante per il bambino: stimola la fantasia e la creatività, favorisce la socializzazione e stimola la conoscenza e la scoperta di nuove situazioni e sensazioni, lo aiuta inoltre a rispettare le regole della collaborazione per l’uso di quel materiale.
I giochi tipici proposti sono: di costruzione con lego, cubi, macchinine, animali vari, giochi all’aperto, ecc.

Torna su